L’Obiettivo Generale del progetto è quello di stimare gli effetti sanitari dell’inquinamento atmosferico ed acustico e delle variabili meteo-climatiche sulla salute della popolazione italiana, con focus su: a) rischi di ospedalizzazione e mortalità in Italia e nelle principali aree metropolitane italiane, b) rischi di infortuni in popolazioni di lavoratori in relazione a fattori di rischio ambientali e rischi di incidente in itinere in relazione alla mobilità della popolazione ed agli eventi climatici. Per il raggiungimento di questi obiettivi vengono sfruttate le potenzialità e connettività dei “big data” relative a: uso del territorio, dati satellitari, telefonia mobile, stime modellistiche, dati sanitari di mortalità, ospedalizzazioni, infortuni occupazionali ed incidenti in itinere.

Il Progetto è in sinergia con il Piano di Ricerca Discrezionale INAIL 2016-2018(programma P1 Obiettivo 2), per le cui attività è stata inserita una specifica unità operativa. In particolare, tali attività riguardano l’utilizzo dei dati di telefonia mobile, dei dati di inquinamento nelle aree metropolitane e dei dati di temperatura dell’aria; tali dati saranno utilizzati per studi sulla mobilità urbana, stime di esposizione dinamica della popolazione, valutazione del rischio di infortuni in ambito occupazionale e relazione tra traffico telefonico e rischio di incidenti con mezzo di trasporto, con particolare interesse a quelli in itinere (durante il normale percorso di andata e ritorno dal luogo di abitazione a quello di lavoro).

Il progetto ha durata biennale e si articola in 4 Obiettivi Specifici (OS) caratterizzati da un diverso dominio spaziale (nazionale, regionale, comunale, sub-urbano). Di conseguenza, le funzioni di rischio di volta in volta stimate (mortalità, ricoveri ospedalieri, morbilità, incidenti stradali, ecc.) si riferiscono ad unità di risoluzione progressivamente più fine.

Il progetto si focalizza su esiti di mortalità ed ospedalizzazioni per patologie cardiovascolari e respiratorie, su cui maggiori sono le evidenze di letteratura e la plausibilità di nesso causale. Tuttavia, a fini di interesse di ricerca, verranno raccolti dati anche per altre patologie, quali le neurologiche, renali, metaboliche e mentali.

Un ulteriori obiettivo (OS 5) dettaglia le attività di monitoraggio, controllo, formazione e comunicazione dei risultati del progetto.

 

Obiettivi specifici

OBIETTIVO SPECIFICO 1: Esposizioni ambientali ed effetti sulla salute della popolazione e dei lavoratori su scala nazionale. L’OS1 si propone di valutare l’esposizione della popolazione italiana a diversi fattori di pressione ambientale (inquinanti atmosferici, temperature estreme) e gli effetti sulla salute, in termini di rischio di ricovero ospedaliero o infortunio professionale, su scala nazionale.

OBIETTIVO SPECIFICO 2: Esposizioni ambientali ed effetti sulla salute della popolazione su scala regionale. L’OS2 si propone di valutare il rischio di mortalità naturale e cardio-respiratoria conseguente all’esposizione ambientale (inquinanti atmosferici e temperature estreme) per 5 regioni italiane: Piemonte, Emilia-Romagna, Lazio, Puglia e Sicilia.

OBIETTIVO SPECIFICO 3: Esposizioni ambientali ed effetti sulla salute della popolazione e dei lavoratori su scala metropolitana. L’OS3 si propone di valutare il rischio di mortalità causa-specifica nella popolazione generale ed il rischio  di infortunio professionale nei lavoratori conseguenti all’esposizione ambientale (inquinanti atmosferici e temperature estreme) per 6 aree metropolitane: Milano, Torino, Bologna, Roma, Bari e Palermo.

OBIETTIVO SPECIFICO 4: Esposizioni ambientali ed effetti sulla salute della popolazione e dei lavoratori su scala sub-urbana. L’OS4 si propone di valutare il rischio di mortalità ed incidenza di specifiche patologie nella popolazione generale, o di infortunio professionale nei lavoratori, conseguente ad esposizioni ambientali (inquinanti atmosferici e variabili meteorologiche) definite a risoluzione spaziale elevatissima all’interno dell’area metropolitana di Roma e dell’area di Pisa.

OBIETTIVO SPECIFICO 5: Monitoraggio, controllo ed attività amministrative, di formazione e di comunicazione dei risultati del progetto. L’OS5 si propone molteplici obiettivi trasversali all’intero progetto, e singolarmente dettagliati nelle linee di attività di seguito riportate. In sintesi, l’OS5 si propone di: a) garantire un monitoraggio costante delle attività scientifiche ed amministrative previste nell’ambito del progetto, mediante la definizione di uno Steering Committee e di un Comitato di Progetto, e l’organizzazione di periodici incontri; b) massimizzare la portata tecnico-scientifica dei prodotti attesi, attraverso la costituzione di due panel, uno internazionale ed uno nazionale, di esperti nel settore; c) assicurare un’adeguata comunicazione dei risultati del progetto a stakeholder di diversa natura, attraverso l’organizzazione di eventi pubblici di divulgazione, la partecipazione a convegni nazionali ed internazionali (in particolare sui temi della Epidemiologia Ambientale come l’International Society of Environmental Epidemiology, ISEE), la distribuzione periodica di newsletter ad un’ampia lista di referenti nazionali, e lo sviluppo di una piattaforma web per la divulgazione dei dati e dei principali risultati del progetto.